flic-scuola-circo-torino-circo-in-pillole-aprile-2017-francesco sgrò - stevie boyd - riccardo massidda-palo-cinese-corda-aerea-spazio-flic-bunker-barriera-di-milano-4

DOUCEUR(S) ET VIOLENCE(S) – CIRCO IN PILLOLE 25/03/18

domenica 25 marzo 2018 – ore 21:00
Spazio FLIC, via Niccolò Paganini 0/200, Torino |
Entrata libera fino ad esaurimento posti.
La biglietteria apre alle ore 20

La direzione scenica di questo quinto Circo in Pillole stagionale è affidata a FRANÇOIS JULIOT, danzatore, artista circense e attore. Si è formato all’Académie Fratellini di Parigi e al Lido di Toulouse. Ha fatto parte della compagnia Les Oiseaux Fous dal 1999 al 2001. È cofondatore della compagnia di circo contemporaneo Rital Brocante e del collettivo G. Bistaki. La sua ricerca si distingue per il rapporto corpo/oggetto, manipolatore di oggetti tra i più originali in Europa. Dal 2005, lavora per le compagnie di danza Lalage e Elyamni a Marsiglia e si afferma come danzatore/attore. Lavora come pedagogo in molte scuole di circo ed è regista di creazioni di circo contemporaneo in Italia e in Francia.

In “Douceur(s) et Violence(s)” si vedrà il risultato di un intensivo laboratorio di una settimana condotto da François sulle nozioni di dolcezza e violenza, due parole che gli artisti circensi conoscono bene, passando le loro giornate costringendo i propri corpi ad aprire una pista dove tutto è possibile e reale, a volte con dolcezza e a volte con violenza.

Il regista spiega così le linee guida del lavoro di formazione:
“La violenza viene trattata soprattutto dal punto di vista muscolare, dominante, dinamico e sorprendente per mettere in evidenza l’investimento necessario a superare i normali limiti dell’umano. I ragazzi dovranno concentrarsi sulla dolcezza per contrastare la violenza, per relativizzare così le relazioni e portare ad aperture e speranze per se stessi e per gli altri.
Dolcezza e violenza hanno come punto in comune la penetrazione dello spazio, dell’involucro personale, e il raggiungimento di una profondità legata all’intimo, che può arrivare a toccare i punti vitali fisici ed emotivi.
Avvicinandoci all’assurdo e alla poesia, piuttosto che alla psicologia, l’investimento coreografico di queste due nozioni offrirà un’ampia gamma di composizioni fisiche, differenze ritmiche, intensità di movimento, relazioni e narrazioni”.

Data

25 Mar 2018

Ora

21:00

Luogo

Spazio Flic
Via Niccolò Paganini, 0/200 Torino